L’educazione critica – dialogica – problematizzante come leva per lo sviluppo di comunità locali più coese e più generative
Nuovo saggio di Anna Zumbo nel libro “Comunità che innovano. Prospettive ed esperienze per territori inclusivi”


È uscito lo scorso settembre il libro “Comunità che innovano. Prospettive ed esperienze per territori inclusivi” edito da Franco Angeli a cura di T. Ciampolini. Un volume che affronta il tema della partecipazione delle comunità locali e lo sviluppo di programmi per ridurre l’impoverimento nei territori.

Al suo interno vi è il saggio di Anna Zumbo; che da anni lavora con enti pubblici e privati impostando e seguendo interventi sistemici e innovativi di riduzione delle povertà per uno sviluppo locale. La professionista, attraverso l’approccio metodologico di Paulo Freire, riporta esperienze e modalità d’intervento in processi di apprendimento complessi, di empowerment, di partecipazione e mobilitazione di organizzazioni, comunità e territori .

Il saggio si intitola “L’educazione critica dialogica problematizzante: una leva per il cambiamento delle comunità locali”ed affronta la questione di come risvegliare la responsabilità solidale nelle persone, nelle comunità e nei territori, ma soprattutto come accompagnare processi collettivi di trasforma-azione attraverso interventi educativi e sociali più consapevoli.

Leggi e scarica l’abstract del saggio (italiano)

Leggi e scarica l’abstract del saggio (english)

Con queste domande nodali, Anna Zumbo attraversa il tema della responsabilità politica della formazione degli adulti come elemento sostanziale della sfida dell’innovazione del welfare nella direzione del rafforzamento della corresponsabilità sociale.

L’approccio metodologico critico-dialogico come proposta per guidare interventi educativi e sociali in un’ottica di cambiamento, è presentato attraverso il racconto di esperienze diverse realizzate in Italia e nel mondo in questi ultimi anni. Viene rielaborato intorno ad alcune attenzioni cardinali che compongono l’ossatura del testo:

 Da Paulo Freire al welfare generativo
 Pronunciare la parola autentica significa trasformare il mondo
 Uno stile che educhi alla libertà, alla coscienza e alla responsabilità
 Liberazione e responsabilizzazione
 Coscientizzazione e dialogo come vettore di relazioni rinnovate
 Il contenuto programmatico dell’intervento educativo e sociale

Nel suo insieme, il libro prende il titolo “Comunità che innovano” da un progetto biennale di formazione, che la stessa Anna Zumbo ha diretto per S-nodi e Caritas Italiana rivolto a 50 giovani di diverse città italiane.

Composto da numerosi  saggi, frutto di esperienze di ricerca-azione, di conversazioni tra discipline, geografie e ruoli diversi, il libro porta l’attenzione sul valore dell’ innovazione sociale come approccio che focalizza l’attenzione su strategie, metodologie, pratiche che ricercano l’efficacia degli interventi sistemici di riduzione delle povertà in una nuova modalità di stakeholders engagement sui territori (persone e organizzazioni diverse, membri della Pubblica Amministrazione, cittadini, creativi, professionisti, associazioni, imprese).

L’innovazione sociale, mettendo in relazione attori e ambiti altrimenti non collegati, pone l’accento sul contributo all’evoluzione dei propri ambienti di vita da persone diverse che abitano una comunità e diventa il veicolo per la creazione di nuovi assetti organizzativi su base territoriale.

L’innovazione sociale in un sistema di welfare in cui la costruzione del benessere degli abitanti di un luogo diventa frutto di azione e responsabilità collettiva.

Vai alla presentazione completa del libro

Leggi anche  Zumbo A. “Critical education as a tool for local community changing: from Paulo Freire to the community generative welfare system”, in “Bella Ciao – Critical education against populism, sexism, racism”, AA.VV, Educazione Aperta, rivista di pedagogia critica, 2020.

Approfondimenti

Freire P., L’educazione come pratica della libertà. I fondamenti sperimentali della “pedagogia degli oppressi”, Milano, Arnoldo Mondadori, 1974

Freire P., La pedagogia degli oppressi, Torino, EGA, 2002

Freire P., Pedagogia dell’autonomia. Saperi necessari per la pratica educativa, Torino, EGA, 2004

Leso C. e Zumbo A. (a cura di), Innov-azione. Ricerca, formazione e mobilitazione comunitaria per l’innovazione sociale, l’inclusione e lo sviluppo locale nell’Astigiano, Studio Kappa, Asti, novembre 2019

Rottino M., Zumbo A., Nous sommes l’histoire: expérience d’éducation populaire en Haïti, Associazione Popoli in Arte, Sanremo, 2014

Zumbo A., Alfabetizzare non è insegnare a ripetere parole, ma a dire la propria parola, Meltingpot, novembre 2016

Zumbo A., Dallavalle C., La lingua italiana, l’ultima frontiera per la cittadinanza dei migranti: la lezione di Paulo Freire, Dialoghi mediterranei, marzo 2017

Zumbo A., Percorsi di formazione e sperimentazione sul metodo di coscientizzazione di Paulo Freire per insegnanti e volontari impegnati nel supporto linguistico e nell’alfabetizzazione di migranti adulti, Convegno pre-LESSLA, Palermo, 3 ottobre 2018.



Articolo a cura di
Giulia MarroGiulia Marro

Potenziamento di processi inclusivi, partecipativi e di engagement


Vai alla Rassegna Stampa