Giulia Marro
Potenziamento di processi inclusivi, partecipativi e di engagement


Antropologa di formazione, viaggiatrice di passione e formatrice e consulente di professione, Giulia Marro si interessa ai diversi modi di concepire la realtà e alle plurime forme di suscitare lo spirito critico. L’obiettivo è capire e valorizzare le differenze per evitare che diventino elementi di paura e diffidenza.
Crede nel potere dell’emancipazione individuale attraverso la sfera collettiva, nel senso di democrazia e cooperazione. Ha una esperienza multidisciplinare e internazionale, anche nella direzione diretta di interventi nel campo culturale e dell’educazione non formale.

Il suo metodo di lavoro è influenzato da “rami” di pedagogie attive e partecipative, strumenti propri dell’Education Populaire francese (Carton, Lepage), dell’Education Nouvelle (Freinet, Montessori), della Pedagogia Emancipatrice (Freire, Alinsky) e dell’Intelligenza Collettiva.

Giulia Marro opera con organizzazioni pubbliche e private e predispone all’interno spazi per la riflessione individuale e collettiva, per l’ascolto e il dibattito. Il suo intervento professionale accompagna individui, gruppi o organizzazioni in processi di transizione da modelli centrati sulla leadership a modelli focalizzati sulla governance orizzontale e democratica e in processi di costruzione di convivenza civica dando strumenti per rafforzare la partecipazione, l’inclusione e la comprensione dell’altro.

Attraverso role playing e metodi attivi (dibattiti in movimento, porteur de parole, ice breaking, brainstorming) invita gli stakeholder a passare da un modello competitivo a un modello cooperativo, integrando la diversità di ciascuno/a per apportare più senso e qualità nelle relazioni, nella motivazione e nell’efficacità e per confrontarsi su tematiche attuali e sociali basandosi sull’approccio sequenziale del “sensibilizzarsi-capire-agire”. Realizza inoltre consulenze nell’organizzazione di azioni per creare comunità e strumenti per lottare contro fenomeni di discriminazione e esclusione.

La sua posizione tra facilitazione, formazione, consulenza e intervisione le consente di attivare processi collettivi per una lettura critica dell’individuo e della società al fine di attuare un cambiamento, accompagnando tutti a trovare il proprio posto, dando chiavi per emanciparsi e comprendere la realtà e la complessità dei suoi meccanismi.

Il suo approccio si basa su una visione sistemica della realtà, dove è essenziale la presa di coscienza dei propri tratti culturali per riuscire a vivere in una dimensione interculturale e del ruolo dell’individuo nella collettività. Ovvero come avere “nuove paia d’occhiali” per vedere diversi aspetti della stessa realtà.

Con il suo lavoro punta ai seguenti risultati:

 Governance orizzontale delle organizzazioni
 Collaborazioni efficaci tra collaboratori/trici
  Cooperazione in gruppo attraverso l’uso dell’intelligenza collettiva
  Riunioni dinamiche e efficaci
  Progetti associativi (re)definiti in modo partecipato
  Alta e sentita partecipazione a iniziative o progetti
 Senso di comunità in una zona territoriale o in un gruppo rafforzata
 Modelli di convivenza civile in ambiti interculturali consolidati
  Strumenti d’educazione alla cittadinanza attiva e solidale (nella lotta contro le discriminazioni, interculturalità, diseguaglianze sociali, cambiamenti climatici, consumo responsabile, d’intervento nello spazio pubblico) da sperimentare in ogni contesto

Giulia Marro

 

     Pubblicazioni

     Articoli

     Convegni

     Area di intervento

     Riferimenti

     Biografia